Archivio per ottobre, 2012

3 ottobre finali a Lidarno

Pubblicato: ottobre 15, 2012 in associazione

Final(mente)e il torneo regionale Anpis ha il suo epilogo,mercoledì 3 ottobre 2012,a Lidarno,solare luogo che in quel giorno si presentava coperto e vuoto,poi pian piano i primi assonnati arrivarono,chi con richieste di caffè,chi con la sigaretta in bocca,chi perché aveva appuntamenti con qualcuno che si era dimenticato,chi dopo una serata passata a festeggiare il ritorno in europa della viola,chi voleva vincere,chi non trovava la strada,chi organizzava,chi aveva le gambe di legno,chi parlava del perugia..

la giornata calcistica si è svolta più o meno come già descritto nell’articolo …DALLA TRASFERTA IN SALENTO ALL’EPILOGO DI LIDARNO :
…E poi arriviamo ad oggi, passando per giorni bui e notti liete, pensieri che si
rincorrono come atleti nel rettangolo di gioco, giorni lieti e notti anche. 3 ottobre
2012, la giornata finale dell’ ottava edizione del torneo regionale A.N.P.I.S. apre il
sipario….Dalle 9.30 le partite, alle 13 pranzo tutti insieme….
Dopo un anno a scorribandare tra i campi di gioco di mezza Umbria (anzi, tutta
intera..) eccoci qua e sia Fuorigioco che Off-side si giocano la possibilità dell’
ingresso alla finalissima. Per i primi semifinale con Peter-Pan Altotevere, per i
secondi lo spauracchio Lahuèn di Orvieto….Bene, il campionato regionale lo ha
vinto la Peter Pan Altotevere e la Lahuèn è arrivata seconda…..
La rincorsa al titolo da parte di off-side si ferma sul palo durante i calci di rigore….
Regna l’ equilibrio anche nel derbissimo perugino per il terzo e quaro posto, ma
alla fine off-side regola i bianchi di Fuorigioco 3 reti a 1 . Finalissima:Peterpan
altotevere 4 – Comunità Lahuèn 1. Tutti presenti in questo dì di festa e chiusura
campionato : Baraonda Terni, Tart aruga Orvieto, SPRAR, Peter Pan Altotavere,
Fuorigioco, Off-side, Lahuen Orvieto, Peter Pan 2
la prima a scendere in campo è Fuorigioco contro i futuri campioni di Peter Pan altotevere,partita che termina 1-0,match sofferto e tirato come non accadeva da tempo, partita equilibrata giocata bene da tutte e e due le squadre e solo un episodio sfavorevole fa pendere la partita per la Peter Pan. Fuorigioco le prova tutte ma la palla non vuole entrare.
nel campo centrale,si disputava quella che a detta di molti era la vera finale del torneo (sopratutto quelli di Offside ndr…) ,Offside – Lahuèn,infatti il gioco e le emozioni iniziano col fischio dell’arbitro,squadre corte,12 giocatori a coprire quasi tutti gli spazi del campo,trame offensive spezzate dalle attente difese,solo una giocata personale può rompere gli equilibri,così accade che Cesarini tira la bordata e trafigge il portiere della Lahuèn,da quel momento in poi la partita è un continuo cercare il gol,da una parte quello del pareggio,dall’altra quello della sicurezza.
Le parate di Giacomo,gli scatti di Olmetti,i recuperi di Angelo,gli interventi di Usignoli,il pressing di Diego e Serpolla,le diagonali di Amedeo,le geometrie di Gianni,contro una squadra di leoni e vecchie volpi,ognuna delle 2 squadre merita la finale,sia solo per l’impegno profuso,ma anche per le delizie tecniche.
Tornati alla realtà del campo, è chiaro che una delle due dovrà restare delusa,così alla prima diagonale sbagliata la Lahuèn pareggia e nonostante i tentativi successivi di marcare un’altra rete,la partita termina e si va direttamente ai calci di rigore.
I rigori,si sa sono una lotteria e tra un gianni che prende 2 set in un sol tiro,Serpolla che imita di Biagio nel mondiale del ’98 e Giacomo che dopo averne parati 2 spara addosso al portiere,tocca alla Lahuèn di Orvieto l’onere e l’onore di potersi giocare la vittoria del torneo che ormai da anni li vede trionfare.
Agli organizzatori dell’evento,resta la soddisfazione di essersela giocata fino all’ultimo in entrambe le partite.
Quella che potrebbe sembrare una partita di consolazione,diventa un divertente momento di calcio a 6,nonostante gli sforzi effettuati nelle semifinali,nessuna delle 2 compagini ha voglia di perdere,i bianchi di Fuorigioco e i gemelli blu di Offside,iniziano a darsi battaglia,senza esclusione di colpi,e tra uno sfottò,una parata,un contropiede,le squadre si allungano,i centrocampisti hanno ancora energia fisica e mentale,per lanciare,dribblare e concludere,tant’è che il primo tempo,si conclude 1-1 con le reti di Diego peri blu e Riccardo che ne salta due e di sinistro la mette sotto l’incrocio.
nell’intervallo c’è chi riprende fiato,chi beve e chi va a farsi intervistare,le squadre al ritorno in campo sono ancora più lunghe,con gli attaccanti pronti come falchi a colpire la preda,fioccano occasioni come se nevicasse,ciò serve a sottolineare che abbiamo 2 grandi portieri,Giacomo e Vazy,ma inevitabilmente finisce il tempo della poesia,e arriva quello della cinica prosa,dove uomini in calzoncini e magliette sudate debbono in qualche modo dimostrare una superiorità,sia solo meramente numerica,nel tabellino;si giunge quindi agli ultimi 3 minuti,all’ennesima incursione sulla fascia di Olmetti che arriva sul fondo,alza la testa e serve Serpolla appostato a centro area,che con un piatto destro buca per la prima volta dopo 4 anni Vazy in una partita ufficiale.
in quel momento per fuorigioco l’unica possibilità di pareggiare è attaccare,lo fa a pieni effettivi,persino il portiere tenta di aiutare la manovra,a costo di esporsi al fatale contropiede,che inesorabilmente giunge nell’ultima azione quando la difesa di Offside blocca l’attacco di Fuorigioco,palla ad Angelo che vede Serpolla libero e solitario oltre il centrocampo e gli passa la palla,per l’osvaldo de noaltri,depositare la palla in rete è una pura formalità,sul 3-1 c’è il fischio finale,che manda tutti i giocatori di fronte al palco,dove calciatori professionisti,dirigenti sportivi e assessori li attendono per la premiazione.
Dopo la doccia è il momento del terzo tempo,con i manicaretti cucinati dalle varie strutture,gli organizzatori nelle vesti di camerieri ed intrattenitori,per terminare un’altra giornata di successo sotto l’aspetto integrativo e sportivo.
Sir Paulla
Annunci

Nel blog  alcuni articoli sulle ultime iniziative di Fuorigioco

Fuorigioco a Colombella

La Splendida vittoria al torneo ad Umbertide

Fuorigioco ad Umbertide

Finali torneo regionale Anpis a Lidarno

Finali Regionali a Lidarno

infine il servizio su Lidarno del tg regione

Tra fine maggio e i primi di giugno la Fuorigioco band partecipa ad un torneo
internazionale di calcio a 5 in quel di Torre Rinalda, felice lido del leccese. Tempo
un paio d’ ore dall’ approdo e già ci sentiamo come a casa. Sorridenti, coinvolgenti,
straripanti.
Gran bel posto il Salento, ottima la vacanza, di tutto rispetto la kermesse sportiva
che ci vede protagonisti.
Mentre non si perde occasione di vivere spiaggia, mare,esperienze gastronomiche, e
vari tour delle maggiori attrazioni salentine, c’ è pur sempre un torneo da onorare.
Il sorteggio della prima notte al villaggio ospitante ci vede inseriti in un girone di
ferro insieme con i detentori leccesi, i finalisti sardi dell’ anno prima, Jesi e Como.
Alla fine del torneo, che annoverava 30 compagini, ci si classifica dodicesimi, frutto
di un girone di qualificazione che non riusciamo a superare per un soffio, conclusosi
per noi con due sconfitte di misura e due vittorie. Consapevoli di aver compiuto un
percorso in netto crescendo, ne usciamo felici e soddisfatti. E abbronzati. Per la
cronaca i due trofei del torneo vengono vinti di magiari del Budapest e dai friulani
di Trieste. Ben per loro, ma belli come noi non c’ è nessuno. Siamo in assoluto la
squadra più presente e fragrorosa, dentro al campo come a bordo piscina…..la
settimana passa in un batter d’ occhio e il viaggio di ritorno ci vede ben gonfi in
petto, ristorati nel corpo e nello spirito. Esperienza importante per gli atleti e per
tutti i più attempati sostenitori al seguito.
Altro significativo appuntamento sabato 30 giugno 2012. Siamo invitati al
trofeo “Morris” di Spina di Marsciano, memorial di un giovane prematuramente
scomparso pochi anni orsono. Ci classifichiamo terzi in un torneo di calcio a 7 al
quale partecipano squadre ben più giovani e quotate in un pomeriggio più torrido
del previsto. Con tanto d immancabilei mangiatona finale. Qui perdiamo di misura il
primo incontro per poi guadagnarci con vittoria a tavolino la medaglia di bronzo per
forfait degli avversari…..
….nel frattempo gli allenamenti del martedì non si interrompono mai….
Ma l’ anelato successo non è lontano…e una mattina d’ estate, mentre il presidente
Boriosi e il tesoriere Ragnacci sono a godersi delle meritate ferie, una nutrita
costola di Fuorigioco si avvia verso la Valnerina….destinazione Cascia…non per il
Santuario…ma per un pellegrinaggio agli impianti sportivi locali, dove andiamo a
partecipare ad un torneo organizzato dai nostri omologhi di Foligno e Spoleto e da
dove torniamo a casa con in bacheca il primo e l’ultimo posto! Splendida la finale
contro la corazzata romana del Gabbiano del dott. Mauro Raffaeli, che tornano belli
spennati nella capitale…..stato di grazia per i nostri ragazzi che respingono nell’
arco della giornata anche le velleità della Rosa dei venti di Foligno e del Cobra di
Spoleto…. Onore anche agli ultimi….sempre noi, con una compagine volutamente
più deboluccia….non sempre le scelte tecniche sono facili da fare…..Grazie agli
organizzatori e………..evviva(!), riportiamo a casa la nostra prima importante

vittoria in trasferta….e l’ Italia intera comincia a temerci…..
…e il martedì si continua, in quel di Lidarno, a vederci, correre, giocare, sorridere,
calciare ( il pallone…)….sempre per accompagnare il pomeriggio a braccetto verso
il suo splendido tramonto….
..Mai stanchi di iniziative e sempre col friccico nella capoccia, si comincia a
vociferare una nuova collaborazione….si sta ponderando di fidelizzarci coi Bullocks
di Perugia, formazione puramente amatoriale di calcio a 11 con la quale si pensa
seriamente di condividere le peculiarità…..detto-fatto. Abbiamo anche lo spin-off
del calcio vero…quello “nel campo grande”. Fuorigioco-boys: collezionatori di
possibilità….imperversiamoooooooooooooo!!!!!!!!!
Arriva settembre e con lui un’ amichevole di lusso in quel di Colombella.
All’ interno del programma della sagra locale è previsto un confronto tra la
neonata compagine calcistica locale e Fuorigioco, perlappunto.Ci presentiamo
con una quarantina di atleti, così, perché ci piace vincere facile…….ci si
organizza, si gioca tutti, sfruttando anche la disponibilità temporale di due
luuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuunghisssssiiiiiiiiiiiiiiiiiimi tempi da 45 minuti….
4 a 0 per il Colombella football club alla fine di un match più equilibrato delle
previsioni. Terzo tempo a base di penne alla norcina e grigliata mista con patate
fritte…Bòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòònoooooooooooooo….
Grazie mille alla nuova società sportiva rossoblu e alla pro-loco colombellese.
…E poi arriviamo ad oggi, passando per giorni bui e notti liete, pensieri che si
rincorrono come atleti nel rettangolo di gioco, giorni lieti e notti anche. 3 ottobre
2012, la giornata finale dell’ ottava edizione del torneo regionale A.N.P.I.S. apre il
sipario….Dalle 9.30 le partite, alle 13 pranzo tutti insieme….
Dopo un anno a scorribandare tra i campi di gioco di mezza Umbria (anzi, tutta
intera..) eccoci qua e sia Fuorigioco che Off-side si giocano la possibilità dell’
ingresso alla finalissima. Per i primi semifinale con Peter-Pan Altotevere, per i
secondi lo spauracchio Lahuèn di Orvieto….Bene, il campionato regionale lo ha
vinto la Peter Pan Altotevere e la Lahuèn è arrivata seconda…..
La rincorsa al titolo da parte di off-side si ferma sul palo durante i calci di rigore….
Regna l’ equilibrio anche nel derbissimo perugino per il terzo e quaro posto, ma
alla fine off-side regola i bianchi di Fuorigioco 3 reti a 1 . Finalissima:Peterpan
altotevere 4 – Comunità Lahuèn 1. Tutti presenti in questo dì di festa e chiusura
campionato : Baraonda Terni, Tartaruga Orvieto, SPRAR, Peter Pan Altotavere,
Fuorigioco, Off-side, Lahuen Orvieto, Peter Pan 2.
L’ex arbitro Agnolin ed alcuni atleti professionisti hanno partecipato alla
premiazione patrocinata dall’ assessore Liberati, condendo di immagine una
giornata favolosa già di per sé….
Alla prossima, perché” sportivo” è un modo di essere, perché non puoi dire gatto se
non ce lo hai nel sacco, perché non può piovere per sempre, perché Fuorigioco è un
lido che si spinge in mare aperto…..grazie a tutti

Anonimo pincopalla