Archivio per giugno, 2019

171fec8d-2772-4835-8e56-6a2780399159

Ultima partita della stagione, con i primi posti già assegnati , mentre nella restante parte della classifica c’è ancora bagarre per conseguire il piazzamento migliore, gara che vede da un lato i padroni di casa dell’ASD sport insieme, che cerca la vittoria per evitare l’ultimo posto, dall’altra i perugini di Fuorigioco che devono vincere con almeno 5 gol di scarto per puntare al terzo posto facendo un doppio balzo in classifica per provare a scavalcare i cugini della Peter Pan e gli orvietani della Tartaruga.

Si gioca a Spello ,il cielo è plumbeo , sembra che il temporale debba arrivare da un momento all’altro , ogni tanto folate di vento accompagnate da pioggia bagnano i giocatori in campo, i locali sono con la panchina corta, mentre i perugini avrebbero bisogno di altri posti a sedere,il pubblico è quello delle grandi occasioni, come ci si aspetta da una partita così importante.
Il meteo pare pronto al nubifragio da un momento all’altro,ma le squadre in campo sono pronte, la partita è subito vivace, giocata a viso aperto da entrambe le compagini, passa in vantaggio Fuorigioco con un azione corale, ma Foligno risponde subito, così si prosegue tra azioni da rete in successioni e cambi in blocco da parte dei perugini, fino alla fine del primo tempo.
Nel secondo tempo la situazione procede sulla falsa riga del primo, Foligno sembra crederci di più e fa un break portandosi sul 5 a 3, per i perugini in maglia bianca, la situazione pare complicata, ma si sa nel calcio basta un attimo, nella fattispecie due, infatti Fuorigioco trova l’alchimia giusta e l’uomo di maggior spessore dell’ASD s’infortuna, stravolgendo gli equilibri della partita , che vede i perugini segnare a raffica e difendere con compattezza fino alla fine della partita che termina 14 a 6.
Devo e voglio segnalare una perseveranza, per il terzo anno di fila siamo andati in trasferta e non abbiamo fatto il terzo tempo che tanto funziona nel nostro torneo, a volte basta solo un po’ più d’impegno,basta anche sorseggiare un thè caldo tutti insieme per suggellare il termine di una giornata sportiva e dare maggior significato a quello che con impegno e fatica(oltre che con passione) facciamo.
Sir Paulla

Fuorigioco – Lahouen 1-2

giornata calda in quel di Lidarno,si torna in campo dopo essersi duramente allenati, gli avversari sono da temere, le voci su di loro fanno pensare ad una disfatta già in partenza, giunge quindi il momento di liberare mentalmente la squadra e di concentrarsi verso la partita, giocano in 9 loro, giochiamo in 9 noi.
Una volta sistemati i dettagli, si inizia a giocare, la partita assume toni contratti con connotazioni di studio da ambo le parti, pochi sbilanciamenti, palla giocata prevalentemente nella zona centrale del campo, da una parte gli ospiti in maglia viola, atleticamente prestanti, corrono a coprire i buchi e cercare pertugi, dall’altra un collettivo in maglia rossa che tenta di suonare uno spartito che ha imparato in questi mesi di impegno costante, si va avanti così con pochi rischi, fino a metà del primo tempo, quando gli ospiti passano in vantaggio con un tiro deviato che beffa il sempre attento portiere dei locali di Fuorigioco, i perugini non si perdono d’animo e continuano a tessere trame che vengono disfatte con sempre maggior difficoltà dagli avversari, che iniziano a lasciar filtrare le offensive dei locali, potendo contare su un portiere stratosferico, che dimostra tutta la sua abilità e la sua esperienza passata in categorie superiori.
Dopo un primo tempo di ritmi elevati, inizia pure il secondo, con Fuorigioco che spinge sull’ accelleratore e la Lahouen che si difende con caparbietà facendo affidamento sui miracoli del proprio portiere e ripartendo in contropiede, proprio da uno di questi contropiedi nasce il raddoppio dei giocatori orvietani, con un lungo lancio verso sinistra ed una palla colpita al volo in modo sporco che si infila di nuovo beffardamente alle spalle del portiere perugino.
La reazione di Fuorigioco è furiosa ed ordinata, costringono gli avversari a restare a difesa del fortino e del vantaggio, collezionando occasioni ed angoli, proprio da un corner ben battuto Sergio di testa batte il portiere con un pallonetto millimetrico, partita riaperta a pochi minuti dalla fine del secondo tempo, Fuorigioco sempre in proiezione offensiva, ma non basta.
Questa volta ci sono 2 terzi tempi, il primo in campo, dove i rossi locali attaccano senza sosta per tutto il tempo, ma sbattono purtroppo sulla saracinesca levata dal portiere avversario, non bastano nemmeno i 2 rigori netti, accordati dal direttore di gara, infatti il primo si infrange sul palo, mentre il secondo viene intuito e bloccato dal portiere della Lahouen in versione superman.
Ai perugini resta il ricordo di una partita giocata da squadra, delle tante occasioni create e del secondo terzo tempo che addolcirà l’amaro in bocca per non aver fatto punti in una partita che li ha visti dominare per gran parte dell’incontro.
Terzo tempo in grande stile con un ricco buffet di salati e soprattutto di dolci, dalla ciaramicola ai semifreddi, per suggellare una bella giornata di sport.
Sir Paulla

Fuorigioco 1 Lauhen 2

Pubblicato: giugno 7, 2019 in associazione

Fuorigioco – Lahouen 1-2

giornata calda in quel di Lidarno,si torna in campo dopo essersi duramente allenati, gli avversari sono da temere, le voci su di loro fanno pensare ad una disfatta già in partenza, giunge quindi il momento di liberare mentalmente la squadra e di concentrarsi verso la partita, giocano in 9 loro, giochiamo in 9 noi.
Una volta sistemati i dettagli, si inizia a giocare, la partita assume toni contratti con connotazioni di studio da ambo le parti, pochi sbilanciamenti, palla giocata prevalentemente nella zona centrale del campo, da una parte gli ospiti in maglia viola, atleticamente prestanti, corrono a coprire i buchi e cercare pertugi, dall’altra un collettivo in maglia rossa che tenta di suonare uno spartito che ha imparato in questi mesi di impegno costante, si va avanti così con pochi rischi, fino a metà del primo tempo, quando gli ospiti passano in vantaggio con un tiro deviato che beffa il sempre attento portiere dei locali di Fuorigioco, i perugini non si perdono d’animo e continuano a tessere trame che vengono disfatte con sempre maggior difficoltà dagli avversari, che iniziano a lasciar filtrare le offensive dei locali, potendo contare su un portiere stratosferico, che dimostra tutta la sua abilità e la sua esperienza passata in categorie superiori.
Dopo un primo tempo di ritmi elevati, inizia pure il secondo, con Fuorigioco che spinge sull’ accelleratore e la Lahouen che si difende con caparbietà facendo affidamento sui miracoli del proprio portiere e ripartendo in contropiede, proprio da uno di questi contropiedi nasce il raddoppio dei giocatori orvietani, con un lungo lancio verso sinistra ed una palla colpita al volo in modo sporco che si infila di nuovo beffardamente alle spalle del portiere perugino.
La reazione di Fuorigioco è furiosa ed ordinata, costringono gli avversari a restare a difesa del fortino e del vantaggio, collezionando occasioni ed angoli, proprio da un corner ben battuto Sergio di testa batte il portiere con un pallonetto millimetrico, partita riaperta a pochi minuti dalla fine del secondo tempo, Fuorigioco sempre in proiezione offensiva, ma non basta.
Questa volta ci sono 2 terzi tempi, il primo in campo, dove i rossi locali attaccano senza sosta per tutto il tempo, ma sbattono purtroppo sulla saracinesca levata dal portiere avversario, non bastano nemmeno i 2 rigori netti, accordati dal direttore di gara, infatti il primo si infrange sul palo, mentre il secondo viene intuito e bloccato dal portiere della Lahouen in versione superman.
Ai perugini resta il ricordo di una partita giocata da squadra, delle tante occasioni create e del secondo terzo tempo che addolcirà l’amaro in bocca per non aver fatto punti in una partita che li ha visti dominare per gran parte dell’incontro.
Terzo tempo in grande stile con un ricco buffet di salati e soprattutto di dolci, dalla ciaramicola ai semifreddi, per suggellare una bella giornata di sport.
Sir Paulla 

f5ffa27c-9316-4eea-b0c1-34e8cd0a6bb8

Le parole della nostra grande Coach Valeria:

Nella prima partita giocata contro la Peter Pan la squadra non era concentrata, molti errori legati a questo e alla fretta di rilanciare la palla nel campo avversario senza costruire un’azione di attacco. Alcuni errori legati alla difficoltà di mantenere la posizione in campo ci ha esposti a molti pallonetti nelle aree lasciate scoperte. Nella partita giocata contro la Lauen la squadra ha giocato molto bene, l’allenamento mirato alla pertinenza degli spazi in partita ha dato i suoi frutti, la squadra è riuscita a mantenere un’ottima concentrazione in partita costruendo anche delle azioni e nonostante la superiorità tecnica e condizionale degli avversari si è riusciti a vincere un set. Le carenze più significative della squadra si sono evidenziate nel fondamentale del palleggio e in azioni di attacco poco efficaci. La terza partita giocata contro Baraonda ha visto la squadra nel pieno della sua forma, il lavoro sul fondamentale del palleggio e sulla costruzione dell’attacco ha pagato. Quasi tutte le azioni sono state giocate con i tre passaggi, il miglioramento del palleggio ha consentito ai nostri attaccanti di chiudere dei bei punti in schiacciata, il campo è stato sempre coperto in modo adeguato e il livello di concentrazione è stato elevato. Si sono evidenziate delle difficoltà nel gioco sotto rete che andremo a trattare. L’ultima partita contro la Tartaruga ci ha visti dominare il gioco, la bassa percentuale di errori in battuta e la sempre maggiore precisione nell’indirizzare i servizi ci ha consentito di gestire ampi vantaggi nel corso della partita. La concentrazione è stata sempre alta, sono sempre state recepite le indicazioni da bordo campo, qualche errore di troppo nel fondamentale del bagher sul quale dovremo lavorare. Complessivamente il campionato ha visto la squadra crescere sia dal punto di vista tecnico, sia    da quello tattico e condizionale. La crescita maggiore è avvenuta relativamente alla matrice gruppale, i giocatori sono una vera e propria squadra che condivide successi e si supporta nei momenti difficili.

Valeria Cavalaglio