Posts contrassegnato dai tag ‘pugnochiuso’

Ogni anno di ritorno dalla vacanza chiediamo alle persone che sono state in vacanza le impressioni che ha suscitato la stessa con la massima libertà.

Le prime persone che ci hanno risposto hanno prodotto questo. Penso ne arriveranno altre.

Primo

E’ stata una settimana  molto intensa, bellissimo posto, gente accogliente, mare stupendo, posti incantevoli, sopratutto per essere stata la prima volta un’esperienza da rifare. Posto meraviglioso e anche interessante per tutto quello che ho fatto e stato fatto. Grazie a tutti per questa bellissima vacanza, solo un po’ di rancore per non aver segnato un rigore ma va bene uguale. Grazie Francesco, grazie Alberto e grazie a tutti voi che mi avete dato la possibilità. Grazie di Cuore ragazzi. Baci da M……

Secondo

Quest’anno la consueta vacanza Sottosopra si è svolta al resort Pugnochiuso, voluto negli anni ’50 da Enrico Mattei. La costa offre possenti rocce calcaree e grotte che scavano nel buio. La natura si manifesta negli alberi che crescono a strapiombo sulle pareti rocciose e l’aria è decisamente pulita. Per la prima volta, da quando partecipo, mi sono esibito in pubblico leggendo la mia Favola del fuoco. Una volta a Vieste, la seconda al resort. Impressionanti gli applausi, l’esercizio era di rimaner calmo. Ora, concludo dicendo che l’umanità incontrata in questa settimana me la porterò dentro tutta l’estate, e oltre.
In particolare, col senno del poi, mi soffermerei sull’offerta al pubblico della tarantolata. La ragazza biancovestita si stende sul lenzuolo e comincia a vibrare in modo epilettico. La sua malattia è la nostra, esorcizzandola. N.

Terzo

Mi è piaciuta molto la discoteca, sono stato molto bene, Mi è rimasto impresso le caverne (ndr grotte), e i posti che abbiamo visitato. G.

Quarto

La nostra vacanza pugliese di quest’anno è stata molto bella ed interessante. Il complesso alberghiero era tutto situato in una baia immerso in una grande piscina olimpionica di acqua salata al centro. Il mare era molto bello seppur abbastanza freddo e profondo, comunque sempre limpido e splendente. La spiaggia era carina non gigantesca ma comunque ben messa sulla baia. S.

Quinto

Le mie vacanze a Pugnochiuso sono andate molto bene, Hotel bellissimo con piscina e si mangiava divinamente, peccato che questa settimana è volata. Nella settimana di vacanza ho fatto anche molte attività come la gara di biliardino, gara di bocce e gara di briscola, anche se queste gare sono andate male mi sono divertito tantissimo. Penso che anche il prossimo anno andrò in vacanza con Fuorigioco. L.

Sesto

Ricetta del benessere
Prendi un paesaggio mozzafiato, unisci un albergo di prima categoria e del buon cibo a volontà.
Mescola poi persone di varia provenienza, aggiungi giochi in quantità con un pizzico di competizione, poi immergi il tutto in acqua di mare e, una volta asciugato, rosolare sul lettino al sole quanto basta.
Lascia riposare più e più ore, all’occorrenza aggiungi la lettura di un buon libro.
Per finire abbinare una bottiglia di allegria, rigorosamente da condividere, e una sigaretta che non può mai mancare…
La vacanza a Pugnochiuso è servita! A.

Settimo

Pugnochiuso ha impressionato in me l’immagine di Mattia che nella serata conclusiva alza la mano serrata al cielo dopo aver parlato a nome di tutte/i noi del valore che questa esperienza ha rappresentato. Pugnochiuso è quella mano serrata dei colori dell’arcobaleno che per una settimana ci ha unite/i nel gruppo WA , un arcobaleno è proprio qualcosa che stabilisce legami, che connette attraverso la bellezza punti distanti, che fa da ponte, un’immagine effimera che tuttavia genera emozioni che risuonano nel corpo modificandolo…emozioni con-crete, di una sostanza tangibile.

Questo è stata  dal mio e dal nostro punto di vista il soggiorno in questo bellissimo angolo di mondo, un’esperienza che ha creato legami colorati, che ha suscitato in noi meraviglia, che ci ha tenute/i insieme in questa dimensione tanto effimera quanto concreta che ci ha fatto sperimentare la forza e la bellezza che la diversità/unicità di ognuna/o di noi può creare nell’unione.

Giovanna si è goduta la vacanza tra la pineta e il mare grazie anche “al nostro gruppo che è stato così unito e solidale”.

Cinzia “sono stata bene”…Giuseppina si è goduta la piscina “mi piace andare in vacanza e stare in mezzo a tanta gente”.

Daniela ama scoprire nuovi luoghi, le nuove esperienze e la curiosità di catturare dentro di sé orizzonti diversi le fanno sospendere i pensieri che la legano nel suo guscio “apprezzo particolarmente le visite organizzate che mi fanno conoscere posti diversi, quando sono in vacanza vorrei vedere il più possibile”.

Dario è entrato nella bolla step to step “sono stato molto bene e più passavano le giornate più mi sentivo di volerne passare altre ancora”.

Roberto dice di avere “lasciato a Pugnochiuso un pezzo di “cuore”…e l’ultimo neurone”, tanta fatica  ma ben ripagata dall’esperienza.

Tante sono le immagini fermate che questa esperienza ci ha regalato, immagini che nutrono il desiderio di vedere questa bolla circoscritta che troppo presto scompare, allargarsi nel tempo e nello spazio.

Ottavo

Un po’ come quando siamo scesi silenziosi a Pugnochiuso. Un po’ come le parole dette durante il saluto finale da tutti, da tutti gli abitanti di un unico mare.

Un pensiero romantico senza licenza poetica.

Silenzioso il fiume scende dalla montagna, attraversa il bosco.

Di piante, fiori e abitanti l’anima raccoglie.

Altri fiumi attraversano la loro storia,

morendo si tuffano in nuova vita.

Ognuno con le sue radici e il suo tempo.

Danzano insieme nel balletto delle onde,

e rinascono mare.

Un solo unico grande infinito  mare.     MDF

Nono

Sono contento perché ho avuto occasione di andare e stare in vacanza con persone speciali, con le quali ho condiviso esperienze particolari di gioco e svago. Sono rimasto dunque soddisfatto anche del posto in cui ci trovavamo ed il modo con cui sono state gestite le cose, soprattutto perché alla lunga possiamo migliorare nell’ organizzazione di questo spazio collettivo e funzionale. Spero che il nostro impegno sia stato profuso per aiutare ed agevolare le persone che hanno bisogno della compagnia degli altri per poi favorire esperienze. E.

Decimo

Questa vacanza è stata bella. Per la prima volta ho tirato con l’arco ed ho fatto centro anche se guardavo dietro le spalle. Abbiamo visto il muflone che correva forte e poi è saltato sopra il muro. Ho ballato bene con tante persone, non volevo ballare perché mi vergognavo e perché non avevo mai ballato in vita mia. Poi però insieme a Mauro e Tiziano ho ballato tanto. Mi è piaciuta tanto la chiesa di San Michele ed ho pregato. Sono stato contento quando sono tornato. S.

Undicesimo

Durante il viaggio non vedevo l’ora di arrivare mi è piaciuto l’Abruzzo con le montagne innevate il mese di giugno, quel caldo torrido e quel mare lungo il viaggio. Io il mare lo avevo visto solo in un’occasione diversa e più brutta ma questa per me è stata come una rinascita. Durante il soggiorno non sono stato sempre bene che mi capitavano brutti pensieri ma poi abbiamo vinto 3 partite su tre e sono salito alla premiazione anche se sentivo la nostalgia di Casa Colonica. Mi sono divertito tantissimo a ballare perché non avevo mai ballato. Ho fatto il ballo del gorilla ed anche altri facevano il ballo del gorilla. Non vedevo l’ora di ritornare. Ci tornerei volentieri perché mi divertirei di più. Grazie a tutti quelli che mi sono venuti incontro. C.